lunedì 19 marzo 2012

Croquembouche


DSCN0525

P1040379
Eccomi qua un’altra volta quasi in ritardo! Questa volta con ragione perché il dolce che oggi voglio condividere con voi è un tantino elaborato. Croquembouche che letteralmente significa “croccante in bocca” è senz’altro un dolce dalla struttura di grande effetto, e il termine francese ne da una definizione perfetta, addirittura onomatopeica di questa stupenda piramide ambrata di bignè alla crema legati da una fitta rete di caramello, che è appunto la parte croccante. La composizione,non è affatto in equilibrio precario come potrebbe sembrare, infatti la piramide si monta intingendo i bignè precedentemente farciti (con crema pasticciera nel mio caso) in uno sciroppo di zucchero, cotto fino allo stadio del caramello e lasciato dorare, e poi disponendoli uno sull’altro, riducendo il diametro a mano a mano che si sale. Raffreddandosi, lo sciroppo si indurisce e tiene i bignè saldamente in posizione. Io ho composto il croquembouche direttamente su un’alzata per dolci, ma se volete potete comporlo su una base precotta di meringa, di pasta brisè o di pasta frolla. Usate una forchetta per distribuire in modo uniforme tutto intorno alla piramide la ragnatela sottile di fili di caramello. Prima di illustrarvi la ricetta voglio dedicare questo dolce a tutti i papà,e in particolare a Nicola. Volevo anche salutarvi tutte perché tra un giorno sarò in Inghilterra per una breve e meritata vacanzaSorriso Ciao a tutte e a presto!
Pasta per bignè:
  • 1,25 dl di acqua
  • 60 g di burro non salato
  • 75 g di farina
  • mezzo cucchiaio da tea di sale
  • 2 uova
Mettere l’acqua in una casseruola pesante su fuoco basso e unire il burro. Setacciare la farina e il sale. Quando il burro si sarà completamente liquefatto, alzare la fiamma portando a ebollizione, poi togliere dal fuoco e versare a pioggia nell’acqua tutta la farina. Mescolare finché si sarà ben stemperata, poi rimettere su fuoco moderato, sempre mescolando, finché l’impasto diventerà solido e si staccherà dalle pareti della casseruola. Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare qualche minuto. Rompere un uovo in una ciotola e aggiungerlo all’impasto, sbattendo bene con un cucchiaio per incorporarlo. Ripetete l’operazione con l’altro uovo e continuate a sbattere finché gli ingredienti si saranno ben amalgamati.
Per il croquembouche:
  • 5 dl di crema pasticciera se volete insaporita con due cucchiai di rhum
  • 250 g di zucchero
  • 500 g di pasta per bignè
Su una placca rivestita con carta forno disponete con un cucchiaino delle palline di pasta, poi cuocetele nel forno preriscaldato a 200°C per 20 minuti o finché saranno ben gonfie e dorate. Lasciatele raffreddare completamente, poi con una tasca munita di bocchetta semplice, riempitele di crema pasticciera. Sciogliete lo zucchero a calore moderato in due cucchiai d’acqua, e fate bollire finché lo sciroppo diventerà color caramello chiaro. Togliete dal fuoco, e per mantenere il caramello fluido poggiate il recipiente su una pentola di acqua bollente. Intingete un lato dei bignè e poggiatelo sul disco con la base verso l’interno, continuate come spiegato sopra, e terminate la piramide con un grosso bignè in cima.Con una forchetta formate la rete di fili di caramello e…buon appetito!
P1040377

P1040385

P1040383

8 commenti:

Michael Toa ha detto...

Oh wow! That looks superb! I've always wanted to make croquembouche... maybe one of these days I will.
When are you coming to England? That'll be so much fun if we can meet up :)
Have a great day.

Rita ha detto...

Majestueux! Fantastique!
I always had these on my want to make someday list; you do inspire my friend. Would love to prepare this with someone I love; so Special. Thank you for sharing.
Rita

Mary ha detto...

What an undertaking. This looks wonderful. I am new to your blog, so I took sometime to browse through your earlier entries. I'm so glad I did that. I really like the food and recipes you share with your readers and I'll definitely be back. I hope you have a great day. Blessings...Mary

Morena ha detto...

Che meraviglia! Sembra difficilissima da realizzare... ma che bontà!!!!

love lives in the kitchen ha detto...

sembra un'opera d'arte annalisa! complimenti alla cuoca :)
un abbraccio,
justyna

Bernideen ha detto...

I saw Julia child demonstrate this years ago on a Martha Stewart Christmas Special. Yours is wonderful!

68sesentera ha detto...

Hola, Annalisa

Tu siempre preparando tantas exquisiteses.

No habia podido escribirte tuve mucho trabajo, ahora estoy en tiempo de vacaciones. siempre me acuerdo de ti.

Ayer en restaurant italiano que se llama Italianis comi por primera vez un tiramisu, me ha encantado. Tu sabes prepararlo? Me supongo que si.

Te mando muchos saludos desde Mexico

Caty
http://catyylasmaravillas.blogspot.mx/

Licia ha detto...

veramente originale!!! Piacere di conoscerti. Il tuo blog è troppo simpatico, da oggi ti seguo con vero piacere...